Prepariamoci all’addio definitivo di WINDOWS 7

Quanti hanno amato Windows 7 al punto che non lo hanno ancora abbandonato? Gli affezionati sono ancora molti: a tutt’oggi la stima dei PC Windows 7 in circolazione a livello globale corrisponde al 33,89% (fonte StatCounter).

Restano dunque pochi mesi per voltare pagina; Microsoft ha infatti ufficializzato che dal prossimo 14 gennaio 2020 non fornirà più aggiornamenti della sicurezza o supporto tecnico per i PC con Windows 7.

Per coloro che vogliono approfondire, sul sito di Microsoft si trovano i criteri relativi al ciclo di vita di tutti i prodotti https://support.microsoft.com/it-it/hub/4095338/microsoft-lifecycle-policy

Che cosa accadrà se si continuerà ad usare Windows 7

Dopo il termine del supporto (14/01/2020), il tuo PC continuerà a funzionare, ma diventerà più vulnerabile ai rischi per la sicurezza e ai virus e non riceverà più da Microsoft gli aggiornamenti software, inclusi gli aggiornamenti della sicurezza.

Cosa è meglio fare

Per sfruttare le funzionalità hardware più recenti, è consigliato dotarsi di un nuovo PC con Windows 10.

In alternativa, puoi aggiornare i tuoi PC; Microsoft fornirà entro il 14 gennaio 2020 a tutti gli utenti Win 7 e Win 8/8.1 l’upgrade a Win 10.

E’ necessario tuttavia prima di procedere alla richiesta di aggiornamento, aver verificato i requisiti hardware di compatibilità, oltre alla verifica dei driver di stampanti ed altri eventuali dispositivi collegati e relativi software. Questa è l’attività più onerosa in termini di tempo e che richiede anche delle competenze specifiche in quanto le variabili sono molteplici.

Come può supportarti DSC

DSC ha un supporto tecnico sistemistico qualificato e consolidato in tanti anni di attività svolta anche su grandi numeri di utenti (assistenza alle postazioni di lavoro presso ospedali e medici nell’ambito del progetto CRS-SISS di Regione Lombardia).

Il prossimo passo

Richiedi un preventivo senza impegno. Invia una richiesta di assistenza. Un nostro tecnico di contatterà per eseguire il CHECK UP di compatibilità dei tuoi dispositivi a seguito del quale forniremo la miglior soluzione.

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Leggi l’informativa al trattamento dei dati

Da luglio 2019 partono i Corrispettivi Elettronici: noi siamo pronti

E’ partito il conto alla rovescia per il nuovo obbligo fiscale di invio telematico dei corrispettivi di vendita al pubblico.

Tocca ora agli esercenti dei punti vendita con volumi di fatturato annuo al di sopra i 400.000 Euro partire con il nuovo sistema già dal prossimo 1 luglio 2019. Per tutti gli altri operatori (con esclusione di alcune specifiche categorie) l’obbligo si trasferisce invece a partire dall’1 gennaio 2020, come stabilito nel DF decreto esoneri del MEF 14/05/2019.

Mentre nel caso della fatturazione elettronica il sistema è stato fondato sulla trasmissione telematica di un file in formato XML, attraverso un intermediario accreditato presso l’Agenzia delle Entrate, dal prossimo luglio la nuova procedura di trasmissione dei corrispettivi elettronici prevede invece un invio direttamente dallo stesso registratore di cassa, che ora si evolve nei nuovi apparati denominati “Registratore Telematico” (RT) e Server RT (per i punti vendita con più di n.3 casse).

DSC si è attivata per tempo e così AmicoWin (già da prima integrato con Fatturazione Elettronica sia attiva che passiva) è stato aggiornato per gestire anche la nuova procedura dei Corrispettivi Elettronici con determinati Registratori telematici

AmicoWin è la soluzione software gestionale progettata per soddisfare le necessità di ogni genere di impresa tra cui anche la gestione di uno o più punti vendita. Pertanto, mentre già in origine era predisposto per collegarsi direttamente ad alcuni registratori di cassa, ora si arricchisce di una nuova interfaccia, dedicata a determinati registratori telematici (RT) per gestire direttamente dal software gestionale sia la stampa dello scontrino che l’automatico aggiornamento di tutti i dati contabili e di magazzino.

Nel caso poi dei Corrispettivi Elettronici sarà lo stesso Registratore Telematico a comunicare i corrispettivi giornalieri all’Agenzia delle Entrate al momento della chiusura giornaliera di cassa, autenticando i dati ed inviandoli telematicamente.

Cosa cambia dal 1 luglio 2019 per chi usa AmicoWin?

Praticamente nulla: continuerà ad operare sostanzialmente come prima con alcune funzioni in più in particolare quelle legate alle rese / storni che sono normate in modo differente da prima. Dopo la chiusura giornaliera di cassa il Registratore Telematico interfacciato ad AmicoWin si occuperà di convalidare ed inviare autonomamente i dati, mentre l’utente non dovrà più occuparsi della tenuta del registro corrispettivi (ai sensi dell’Art. 24, primo comma, del D.P.R. 633 del 1972).

Quali sono i vantaggi del registratore telematico rispetto al registratore di cassa?

  • Contributo a titolo di credito di imposta di € 250,00 (per l’acquisto di un nuovo RT) oppure
  • € 50,00 (per l’adeguamento dell’attuale registratore di cassa).
  • Risparmio sui costi di verifica periodica dell’RT (ora obbligatoria ogni 2 anni anziché annuale)
  • Eliminazione dell’obbligo di conservazione di copie cartacee di scontrini e registri
  • Cambiamento del valore dello scontrino cartaceo rilasciato al cliente finale, a mera validità commerciale (quale garanzia della data di acquisto del bene).

Lo staff DSC è a tua disposizione per ogni approfondimento sui nuovi Corrispettivi Elettronici e su come gestirli con AmicoWin.

Richiedi una consulenza gratuita inviando una email a: marketing@dscsrl.it oppure telefonando allo 0331 520901